Bianco e nero

martedì 15 gennaio, ore 15,00 - 19,00
By Teatro Laura Betti
In Formazione
10 Gen, 2019
0 Commenti
200 Visite

Martedì 15 gennaio alle ore 15 presso Lo spazio delle Culture alla Casa della Conoscenza, in via Porrettana 360 a Casalecchio di Reno, Alessandro Berti ricostruisce, in un laboratorio in forma di conferenza-spettacolo rivolto a insegnanti di ogni ordine e grado, educatori e a chi è interessato alle questioni razziali, post-coloniali, di genere e alle loro intersezioni, l’evoluzione dell’immagine del maschio nero nella cultura occidentale attraverso fonti storiche, romanzi, fotografie, film e canzoni.

Il laboratorio fa parte del progetto culturale rivolto ai giovani italiani e stranieri Sotto la pelle/under the skin, curato da Alessandro Berti e Gaia Raffiotta  di  Casavuota  in collaborazione con l’Associazione Culturale Cantharide nell’ambito del progetto Generazione Teatro che mette al centro del Teatro Comunale Laura Betti gli adolescenti.

La conferenza-spettacolo sarà un vero e proprio laboratorio intensivo di storia del dialogo interculturale tra cultura ‘black’ e cultura bianca (italiana e angloamericana).

In particolare, BIANCO E NERO racconta tre momenti diversi di storia di questo dialogo:

1) la prima parte del ‘900 (emigrazione italiana, storia coloniale europea, guerre mondiali);

2) il dopoguerra (ricostruzione in Italia, boom, il sessantotto, Malcolm X e M. L. King);

3) gli ultimi trent’anni (gli anni ’80 di Reagan e Thatcher, Prince e Michael Jackson, l’Italia come paese di arrivo di immigrati, le teorie post-coloniali).

Attraverso estratti di romanzi e poesie, dialoghi di film e serie TV, canzoni di cui saranno commentati i testi, si capirà come avanguardie artistiche, artisti solitari e profetici, culture popolari hanno trattato, in Occidente, la questione razziale, quella dell’identità culturale e delle radici di una società multietnica, con particolare riguardo alla linea del colore, cioè alla storia del rapporto tra bianchi e neri.

Alla fine del laboratorio ci sarà:

a) uno scambio verbale con i partecipanti;

b) la consegna a tutte e tutti di una bibliografia ampia e aggiornata attraverso la quale chi vorrà potrà approfondire;

c) la proposta di un inizio di collaborazione-mediazione che porti al coinvolgimento dei ragazzi nel laboratorio L’AMORE CONTA, la seconda azione di Berti prevista nel progetto Generazione Teatro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

facebook comments: